Vola solo chi osa farlo: la grande notte della Juventus


Dybala e Allegri: i protagonisti della notte bianconera

La fidanzata d’Italia non ha più paura di volare. Tre gol per dimostrare a tutti, in primis a sé stessi, che la missione
Champions League non è più impossibile. La Juventus, nella propria tana, ha suonato la carica, scatenando sul Barcellona,
ospite tanto gradito quanto strapazzato, una tempesta perfetta fatta di azioni essenziali, ritmo di gioco e armonia nella
costruzione delle occasioni.

A giostrare questa magna opera calcistica è stato Massimiliano Allegri, il primo, tra gli juventini, a essere maturato
rispetto alla finale di Berlino e ad aver acquisito coscienza dei propri mezzi. L’allenatore livornese, infatti, tra i suoi
uomini, è stato quello che più spesso ha affrontato i blaugrana: ben nove volte in carriera prima di ieri sera. Di queste,
otto volte Allegri era stato costretto a uscire dal terreno di gioco a capo chino. Non ieri sera, non nella magica notte
dove tutto, per i bianconeri, diventa possibile.

Il tre a zero è figlio di una condizione fisica e tattica ottimale: inizialmente il nuovo modulo pentastellato era stato
pensato come sistema di gioco ideale per controllare e annichilire le avversarie di piccolo calibro: le prestazioni degli
ultimi mesi, invece, hanno dimostrato esattamente il contrario, e la partita di ieri sera è stata la ciliegina sulla torta.

La struttura di gioco pare essere costruita su misura per Paulo Dybala: il talento argentino, vero uomo in più dei bianconeri,
ha trascinato alla vittoria i suoi con una prestazione maiuscola, da grande giocatore. Il tutto, di fronte all’idolo di una
vita, quel Leo Messi che ieri sera, assieme alla propria squadra, pare aver preso l’inesorabile viale del tramonto,
figlio di quasi un decennio di vittorie in ogni competizione.

Il Barcellona, Lionel Messi, come avversari di fronte a cui consacrarsi, e Dybala, in questo, è riuscito alla perfezione.
Vola solo chi osa farlo, e il giovane talento argentino pare avere le spalle, e le ali, per andare in alto.