Tacchi: stile di vita, potere e dipendenza delle scarpe alte.

Tacchi: La femminilità delle donne in un paio di scarpe

“Gli uomini sono come le scarpe con il tacco. Ci sono quelli belli che fanno male. Quelli  che non ti piacciono fin dall’inizio. Quelli irraggiungibili che non potranno mai essere tuoi. Quelli che affascinano in partenza ma poi capisci che non sono niente di speciale. E infine quelli che non ti stancherai mai di avere con te” dice Carry di “Sex and the city”, la serie che ha sdoganato l’uso dei tacchi come se si indossasse delle scarpette. Infatti le protagoniste girano per New York sempre con i tacchi ai piedi.

Secondo la Dott.sa Anna Maria Sepe le scarpe sono indicatori della personalità. Rappresentano un’estensione del sé:  si possono intuire tratti psicologici, tendenze emotive, status sociale. Ed in maniera inconscia migliorano l’immagine di se. (Fonte vedi qui).

Infatti  i TACCHI, da sempre  sono simbolo di femminilità. Contribuiscono a far sentire le donne più sicure di sè, con un potere che attira gli uomini. Dando al tacco un significato erotico. Lo stesso Freud infatti, parlava dei piedi come di una zona erogena e a causa delle terminazioni nervose, può portare ad un’attenzione morbosa.

Il sessuologo Jannelli ha spiegato che la scarpa alta rende il piede piccolo ed esalta quindi la caratteristica femminile. Inoltre determina una postura che mette in evidenza il sedere suscitando l’interesse maschile. Nella cultura cinese diventò una vera e propria tortura per le donne. I piedi  delle bambine venivano fasciati in modo che non potessero crescere troppo e dunque rimanessero piccoli ed eleganti. (Fonte vedi qui).