Il viaggio più interessante. La parola ai blogger di World Generations.

È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria. (Voltaire)

Salvatore

Settembre del 2010, in treno da Siracusa a Roma e da Roma verso Ancona in un solo giorno. Ho passato un’intera giornata guardando ogni paesaggio e osservando molte persone via via che si passavano i luoghi e le regioni. Mi ha attratto molto la diversità di tutte le persone e il parlare con loro. Mi ha attratto il cambiare del paesaggio dalla montagna, al mare, alla pianura, alle stazioni. Insomma come scoprire il mondo in un giorno solo dalla mattina alla sera.

Alessia

Nel 2011. Una vacanza studio ottenuta per merito, di durata pari a 3 settimane in costa azzurra. Ho soggiornato presso il campus International de Cannes, dove ho seguito un corso di francese con una madrelingua. Durante il soggiorno ho visitato Cannes, Nizza, Grasse, il principato di Monaco , St Tropez, Ile Ste Marguerite e un weekend a Parigi.

Martina

Il mio viaggio più interessante (e anche il più forte dal punto di vista emotivo) è stato quello che ho fatto in Polonia, in terza liceo, con alcuni miei compagni di classe nell’ambito di un progetto europeo.
In quattro giorni abbiamo visitato Cracovia, il santuario della Madonna nera e il campo di concentramento di Auschwitz. La visita di quel campo è stato un tuffo nel passato della mia famiglia. Mio nonno materno, è stato partigiano; lo hanno catturato nel 1944 e rinchiuso ad Auschwitz. Si è salvato grazie alla sua bravura come barbiere, occupandosi di curare l aspetto dei generali tedeschi.

Salvatore M.

Il viaggio in Canada. È stato il primo viaggio all’estero. Li ho conosciuto gli zii e i cugini di mio padre per la prima volta. È stata un’esperienza bellissima anche perché ho visitato le cascate del Niagara, sono stato a vedere l’ATP 1000 (tennis) a Montreal e ho guidato una Ferrari.

Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo. (Lao Tzu)

E come canta Cremonini…Buon Viaggio! (video)