Game of Thrones 7×03: The Queen’s Justice. L’incontro tanto atteso e la vendetta di Cersei.

Game of Thrones

Bran e Sansa

“La La Lady” e “Torna a casa Bran”

Grande Inverno è stata lasciata nelle mani di Sansa, la quale sta dando dimostrazione di che pasta sia fatta realmente. Comandare le si addice perfettamente e Lady Stark sembra davvero a proprio agio nei panni di chi comanda. Sansa è proprio cresciuta e mi sembra ormai consapevole non solo di come gira il mondo, ma anche delle sue effettive capacità.

Dal canto suo, Ditocorto l’infame non accenna a mollare l’osso. Continua a ronzare su Sansa come un’ape su un fiore, senza rendersi conto di quanto lei continui a snobbarlo. Per me ormai rappresenta il nulla cosmico e spero che la bella Stark rimanga salda e non si lasci irretire da questo individuo.

E arriviammo ad una nuova reunion per la casata Stark: Bran è finalmente rientrato a Grande Inverno. Mentre la sorella lo accoglie con calore, il ragazzo mostra l’entusiasmo di un uomo che deve sottoporsi all’esame della prostata. Manco stesse andando al patibolo, un sorriso poteva almeno farlo.

Bran non è certo tornato per reclamare il suo posto a Grande Inverno, ma per parlare con suo fratello Jon. Cosa che tutti attendiamo con ansia, poichè le rivelazioni ribalterebbero ben bene tante cose. Una fra tutte la linea di successione dei Targaryen, per cui sarebbe Jon a dover reclamare il Trono di Spade e non la Dragon Trainer dai mille titoli.

Sansa Stark

Il ragazzo è totalmente dentro il suo ruolo di Corvo con Tre Occhi e non mostra la minima variazione d’espressione mentre racconta di come egli abbia assistito allo stupro della sorella. La conversazione fra Bran e Sansa è davvero inquietante. Io stessa mi sono sentita n’attimino male mettendomi nei panni della ragazza.